Assicurazioni

Condividi su: Facebook Twitter

Assicurazioni: definizione

Attraverso le assicurazioni è possibile, stipulando i relativi contratti, trasferire il rischio legato ad un evento alla compagnia di assicurazione con cui è avvenuta la stipula. Il rischio può riguardare gli eventuali danni ad un bene – è questo il caso della polizza assicurativa che stipuliamo per l’automobile – o al proprio patrimonio o alla propria salute.
Dal momento della stipula del contratto la compagnia di assicurazione si assume il rischio, impegnandosi a versare l’ammontare pattuito al verificarsi (eventuale) dell’evento sottostante.
I rischi dello stesso tipo vengono raggruppati in categorie dette rami assicurativi. Da ogni ramo discendono diverse tecniche di gestione della forma assicurativa, condizioni generali e particolari, principi assuntivi e liquidativi. I due grandi rami delle assicurazioni sono il ramo danni e il ramo vita.

Cos’è un’assicurazione ramo danni?

Le assicurazioni ramo danni tutelano l’assicurato da eventi che possano danneggiare il suo patrimonio e le sue possibilità di guadagno, reintegrandone l’entità al momento della liquidazione del risarcimento. I rami elementari (i sottogruppi) di questa area sono i danni contro le cose, i danni contro le persone, la responsabilità civile (obbligatoria), i rischi commerciali e i rischi finanziari. Danni contro le cose comprendono quelli a veicoli, abitazioni e qualunque altro bene fisico possa far parte del patrimonio di un soggetto e possa essere danneggiato da eventi come il furto, l’incendio o altro. I danni contro le persone riguardano soprattutto eventi come infortunio e malattia, che impedirebbero all’assicurato di lavorare e guadagnare, arrecandogli quindi un concreto danno economico.
La responsabilità civile riguarda i danni causati dal soggetto a terzi, generalmente mentre è alla guida di veicoli, come nel caso delle assicurazioni auto. I rischi commerciali e finanziari riguardano il settore crediti, tutelando l’assicurato dai rischi che provengono dall’operare sui mercati finanziari e consentendo di mettere il proprio capitale al riparo dalle fluttuazioni.

Cos’è un’assicurazione ramo vita?

Nel ramo vita l’entità della polizza e del premio si basa principalmente sulla possibilità che l’assicurato ha di vivere o morire entro una certa data. Si tratta di una forma di risparmio, il cui scopo è tutelare l’assicurato e i suoi familiari dalla non conoscenza della durata della vita umana. Gli eventi da cui proteggersi sono quindi la morte, ma anche l’invalidità e la vecchiaia. Queste tipologie di danno vengono risarcite attraverso tecniche e modalità diverse: l’erogazione di un capitale (soprattutto in caso di morte), di una rendita o di un indennizzo (anche in caso di morte, ma soprattutto per invalidità e vecchiaia).
Esistono poi assicurazioni (quelle che chiamano anche linked) collegate a fondi comuni d’investimento. I vantaggi di queste polizze sono la percentuale di guadagno minimo garantito (tasso tecnico) e l’impignorabilità in caso di fallimento. Fra gli svantaggi più importanti viene annoverata la costante riduzione del valore del denaro, dovuta alla continua rincorsa tra risparmi e inflazione.
La diffusione di questo genere di polizze ha avuto un’impennata grazie alla ristrutturazione del sistema di previdenza pubblica, che ha reso le pensioni statali meno competitive e quindi, di fatto, per molti il ricorso a questo tipo di polizze è divenuto ormai quasi necessario.

Video correlati