Storie di uomini che hanno fatto grande l’Italia

Orizzonti Tv propone, in un ciclo di puntate, la storia dei grandi personaggi della nostra economia. A guidarci è Paolo Mieli, protagonista del giornalismo italiano contemporaneo, il quale ripercorre le vite, le virtù, il ruolo svolto da questi grandi italiani nell’ambito della storia del complesso sistema economico italiano.

Da Enrico Mattei a Enzo Ferrari

Da Enrico Mattei, figura centrale dello sviluppo energetico del paese a Gianni Agnelli, e l’azienda simbolo del capitalismo italiano, la Fiat. Il percorso proseguirà con altri grandi personaggi, protagonisti del mondo imprenditoriale, come Enzo Ferrari, Leopoldo Pirelli e Adriano Olivetti; a seguire, grandi uomini dello Stato come Guido Carli e del mondo sindacale quale Giuseppe Di Vittorio.

Ultimo Espisodio
25.11.2016

Guido Carli: banchiere e politico

Paolo Mieli ci racconta la figura di Guido Carli. Figlio di un grande economista protezionista, Filippo Carli, rivale del liberista Luigi Einaudi, già Governatore della Banca d’Italia e Presidente della Repubblica. C’è in questo intreccio un ritratto economia italiana di quegli anni: una grande famiglia, fatta di dibattiti, di posizioni contrapposte, ma poi anche una capacità di sintesi, per cui poteva accedere che il figlio di un rivale, in questo caso il rivale di Luigi Einaudi, prendesse il posto come Governatore, di Luigi Einaudi stesso. Guido Carli guiderà la Banca d’Italia dal 1960 al 1975, per poi presiedere Confindustria dal 1976 al 1980. Un lungo periodo di straordinario sviluppo economico per il nostro Paese, contrassegnato al contempo da forti tensioni sociali.

Playlist: Mille lire al mese 6Episodi
31.08.2016

Enzo Ferrari, pilota e genio

Paolo Mieli ci racconta la traiettoria dei successi di Enzo Ferrari. I suoi sogni originari da sportivo, vincente. L’avvio di quella che tutt’ora è considerata in Italia azienda simbolo di tecnologia, design, velocità: la Ferrari. Lo sviluppo internazionale dell’intera Formula 1 grazie alle vittorie della scuderia italiana e di Tazio Nuvolari negli anni ’30, grazie all’intuito e alla visione di Enzo Ferrari. Ai successi sportivi seguirono risultati industriali straordinari che andarono molto oltre rispetto al mito sportivo del fondatore.

9m32s
Mille lire al mese
13.07.2016

Gianni Agnelli, industriale e principe

Paolo Mieli ci racconta l’Avvocato, così dai più chiamato pur non avendo mai esercitato la professione forense. Lo definisce il più grande industriale italiano del ‘900. Un “principe” che, pur ereditando dalla famiglia una posizione di assoluto rilievo, si scontra da giovanissimo con il dolore legato alla perdita precoce dei genitori e del nonno. La crescita all’ombra di Vittorio Valletta – l’allora amministratore delegato Fiat – la dolce vita negli anni ’50 prima di diventare Presidente della Fiat nel 1966, le vertenze degli anni 70 e la marcia dei quarantamila, il rapporto defilato con la politica.

10m41s
Mille lire al mese
16.06.2016

Giuseppe Di Vittorio il Sindacalista dell’unità

Paolo Mieli ci racconta la figura di Giuseppe di Vittorio. Dal Patto di Roma fino alla Rottura Sindacale, i suoi rapporti con i leaders mondiali e i fatti che colpirono l’Ungheria nel 1956.
L’affermazione del valore sociale e culturale del lavoro, il principio che ha sempre ispirato e accompagnato l’azione sindacale di Di Vittorio; l’autonomia, la democrazia e l’unità del sindacato sono stati i suoi principali obiettivi.
Pur vivendo una stagione assai difficile, segnata da tensioni ideologiche stridenti legate al sottile equilibrio bipolare della guerra fredda, Di Vittorio lavorò sempre per l’unità di tutti i lavoratori, dalla quale faceva derivare anche l’unità sindacale; a suo avviso, solo in questo modo sarebbe stato possibile difendere l’interesse generale della classe lavoratrice, lottando efficacemente per la sua emancipazione.

9m18s
Mille lire al mese
6.05.2016

Adriano Olivetti: industriale e umanista

Paolo Mieli ci racconta la figura di Adriano Olivetti. Fondatore della “Olivetti” che, a partire dalla prima metà del ‘900, sarà universalmente associata alla modernità italiana. Inventa e diffonde presso il grande pubblico la macchina da scrivere e, seguendo un percorso di innovazione continua, arriva alla fine degli anni ’50 a inventare il primo calcolatore elettronico italiano che anticipa la generazione dei computers. Non solo tecnica, la figura di Olivetti – ci spiega Paolo Mieli – esprime una grande sensibilità culturale che lo condurrà ad essere precursore anche in ambito manageriale e politico.

9m7s
Mille lire al mese
14.03.2016

Enrico Mattei

Comincia con Enrico Mattei, “Mille lire al mese, storie di uomini che hanno fatto grande l’Italia” il ciclo di puntate dedicate ad alcuni fra i più importanti personaggi d’Italia. Paolo Mieli ci guida in un programma che illustra non solo i lati umani e professionali dei protagonisti, ma anche i contesti di un Paese in continuo fermento.

8m27s
Mille lire al mese