Condividi su: Facebook Twitter

Capire il carry trade

È intesa come la possibilità di finanziarsi attraverso una valuta emessa da un paese che ha un tasso di sconto più basso, per andare poi ad investire in una valuta che consente un rendimento più elevato.

Un esempio di carry trade

C’è un esempio tipico di carry trade per cui a cavallo tra gli anno ’90 e l’inizio degli anni ‘2000 era frequente finanziarsi a basso costo in Yen giapponesi per poi convertirli in dollari e andare ad ottenere investendo in bonds americani degli interessi decisamente più convenienti.

Intervento di:

Davide Biocchi

Trader e formatore presso Directa sim

Davide Biocchi, classe 1966, ex- albergatore e ora trader a tempo pieno. Le prime esperienze di Borsa si svolgono tramite il borsino della banca; poi, da febbraio 1999, con l’avvento del trading on line, la Borsa diventa parte integrante della sua vita.