Condividi su: Facebook Twitter
Glossario:

Contratti derivati

Uno strumento derivato è un contratto o un titolo il cui prezzo si basa sul valore di mercato di un altro strumento finanziario, che viene definito sottostante. Quest'ultimo può essere riferito, per fare degli esempi, ad azioni, valute, tassi d'interesse o indici finanziari (Vedi “Contratti derivati: conoscerli per non temerli”).

Futures

Appartenenti alla categoria degli strumenti derivati, sono contratti che impegnano una delle controparti ad acquistare alla scadenza ed al prezzo prefissati l'attività cosiddetta sottostante, che può essere di natura finanziaria o “materiale” (Vedi “Contratti derivati: conoscerli per non temerli” e “Derivati: quando sono pericolosi?).

Trading

L'attività attraverso la quale si vendono e si comprano azioni sui mercati finanziari di tutto il mondo o anche altri strumenti finanziari come obbligazioni e derivati con l'obiettivo di generare guadagn (Vedi “Cosa è il Trading”).

I futures sono strumenti standardizzati trattati nei mercati regolamentati. Sono strumenti derivati il cui valore varierà in funzione del valore sottostante. Il mercato dei futures è controllato dalla ‘clearing house’.

Cosa sono i futures

Acquistare futures significa impegnarsi ad acquistare alla scadenza al prezzo prefissato l’attività sottostante. Questa può essere sia un’attività reale (i.e. grano, oro, metalli, etc.), sia un’attività finanziaria. In questo ultimo  caso si parla di financial futures (i.e valute, indici borsistici, etc.).

Il singolo investitore privato può investire in futures?

In Italia il singolo privato investitore non può accedere direttamente ai futures, ma può farlo soltanto attraverso una banca o una Sim. La cassa a compensazione e garanzia chiede i margini e quindi viene aperto un conto margini presso la ‘Clearing house’ e in questo conto vengono registrati margini e saldi al momento delle operazioni di acquisto vendita del futures.

A cosa serve un futures?

Il futures è uno strumento molto efficiente se si vuole partecipare all’attività di un sottostante, ad una determinata scadenza, con un effetto leva importante legato al fatto che nella fase iniziale viene richiesto soltanto un margine e non l’intero controvalore del futures.