Condividi su: Facebook Twitter

Definire la finanza d’impatto

La finanza d’impatto è quel tipo di finanza che presuppone i cosiddetti investimenti d’impatto, quelli destinati cioè a imprese, organizzazioni e fondi che hanno lo scopo di generare risultati misurabili di tipo sociale e ambientale insieme a un ritorno di tipo finanziario. Essa è quindi al servizio dello sviluppo sostenibile e della giustizia sociale.

Sono per lo meno quattro le caratteristiche principali della finanza d’impatto:

L’intenzionalità dell’investitore

La prima caratteristica è l’intenzionalità dell’investitore di generare un impatto sociale o ambientale (o entrambi) attraverso il suo investimento; pensiamo a chi decide di investire su sanità, istruzione o degrado ambientale sapendo che questa sua iniziativa avrà un certo tipo, appunto, di impatto.

Aspettativa di rendimento

La seconda è l’aspettativa di rendimento; l’investitore può cioè aspettarsi un ritorno finanziario sul capitale investito (che può essere al tasso di mercato o leggermente inferiore allo stesso) o il solo recupero del capitale. È un elemento fondamentale perché distingue gli investimenti d’impatto dalle mere donazioni che sono a fondo perduto.

La varietà degli strumenti finanziari

Questa particolare attività di finanziamento comprende una grandissima varietà di strumenti finanziari, i quali si manifestano in varie forme tecniche che vanno dal debito all’equity fino alla patrimonializzazione.

Misurabilità della finanza d’impatto

Si accennava alla misurabilità dei risultati ottenuti con l’investimento in termini di impatto sociale e ambientale. Occorre avere delle metriche il più possibile standardizzate per assicurare trasparenza e accountability.

L’impegno delle BCC nella finanza d’impatto

La cooperazione, e in particolare la cooperazione di credito, ha sempre investito nella finanza d’impatto anche se ha utilizzato una terminologia diversa e ha avuto come cardine irrinunciabile l’autonomia reddituale dei progetti. Un esempio è quanto è stato avviato da tempo in Ecuador con la microfinanza campesina.