Condividi su: Facebook Twitter

Definire la finanza d’impatto

La Banca del tempo è uno strumento dell’economia sociale che può essere definito come un luogo dove le persone si scambiano il proprio tempo per aiutarsi soprattutto nell’organizzazione delle piccole necessità della vita quotidiana.

Come funziona

La Banca del tempo funziona come una vera e propria banca. L’unica differenza è costituita dal fatto che per remunerare le prestazioni non s utilizza il denaro, ma il tempo. La moneta sarà un ora o frazioni di un ora.

Il segreto

Il segreto della Banca del tempo è che i saldi devono essere sempre a zero. Ovvero i movimenti di segno opposto relative a prestazioni in tempo offerte o ricevute devono equipararsi.

Un esempio concreto

Nell’Associazione ‘Migrante e Banche’ esiste una Banca del tempo. Marco Marcocci ci racconta la storia di Alicia e degli altri partecipanti che si scambiano unità di tempo per attività varie quali: la preparazione di un dolce tipico dell’Ecuador o un passaggio in auto all’aeroporto.

Come partecipare ad una vera Banca del tempo

Per partecipare ad una Banca del tempo basta rappresentare tutte le attività che si è in grado di svolgere al meglio – i propri talenti – e quello di cui presumibilmente si potrebbe aver bisogno.

Il catalogo prodotti

L’insieme di tutti i talenti registrati presso la Banca del tempo costituisce il suo catalogo prodotti.

Intervento di:

Marco Marcocci

Marco Marcocci lavora nel Credito Cooperativo. Esperto di migrant banking, è autore di numerose pubblicazioni in materia. Collabora con la Fondazione Internazionale Tertio Millennio Onlus, con Coopemondo – Associazione per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, è sindaco revisore della sezione romana dell’UIC – Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti. E’ socio fondatore e presidente dell’Associazione di Volontariato Migranti e Banche.