Condividi su: Facebook Twitter
Glossario:

Conto corrente bancario

Strumento che serve a gestire la liquidità in entrata e in uscita (Vedi puntata “Il conto corrente bancario: come operare una scelta”)

Elementi di trasparenza bancaria

Quando si firma un contratto il cliente medio ha sempre il timore di una clausola scritta “in piccolo” o comunque in termini poco comprensibili e forieri di cattive sorprese in futuro. Non sfugge a tale dinamica il rapporto con la propria banca, che in prima battuta deve fornire al cliente, o potenziale tale, una serie di informazioni sul più ampio ventaglio di canali possibili.

In primis, le brochure e i totem che si incontrano entrando nelle filiali; in secondo luogo, quanto pubblicato sui siti internet; infine, il rapporto diretto con il direttore nel momento in cui si sottoscrive un accordo, al quale deve seguire la cessione di un riepilogo chiaro di quanto si è pattuito.

Quali informazioni?

Le informazioni più sensibili e che maggiormente interessano il cliente sono ovviamente quelle legate ai costi di gestione del conto corrente bancario e alle singole operazioni (Vedi puntata “Il conto corrente bancario: come operare una scelta”). Questo non solo per avere il quadro della singola banca ma anche per procedere al confronto con altri istituti, operazione che viene facilitata da quanto previsto dalle leggi sulla trasparenza bancaria: l’ordine e le modalità con le quali sono fornite le informazioni sui costi che i clienti andranno a sostenere è lo stesso per ogni istituto, così come le sintesi sui costi complessivi presentati a margine. Sono condizioni tassative al punto che i servizi per i quali non è esposto il prezzo sono possono intendersi gratuiti.

La banca è tenuta inoltre a informare il cliente sui tassi di interesse applicati sia a credito che a debito.

Intervento di:

Leonida Nicolai

Ha iniziato il proprio percorso professionale presso il Banco di Santo Spirito dove ha ricoperto ruoli con responsabilità crescente nella rete operativa e nei servizi di Direzione Generale; successivamente ha ricoperto ruoli dirigenziali in diversi istituti di credito (Carispaq, Banca Agricola Mantovana, Banca Popolare della Marsica, Banca Toscana , Banca Popolare del Lazio) con incarichi di diretta responsabilità nelle aree crediti, commerciale, organizzazione, compliance. Lasciati gli incarichi operativi, svolge, da diversi anni , attività di consulente di direzione (pianificazione strategica ed assetti organizzativi) e di formazione per numerose Banche nonché quella di Consulente Tecnico del Tribunale di Roma in materia bancaria e finanziaria. Relatore in vari convegni ed autore di articoli per riviste del settore.