Condividi su: Facebook Twitter

Il mercato delle materie prime

Le commodities possono essere vendute o acquistate su scala mondiale come un qualsiasi titolo di borsa. Sin dalla prima ora dei mercati finanziari esiste l’esigenza, soprattutto per la grande industria, di poter fissare a una scadenza predeterminata i prezzi di acquisto per determinate quantità di materie prime.

Tali contrattazioni avvengono nelle cosiddette borse merci, affiancate a quelle dove di solito si scambiano titoli e azioni; qui le controparti concordano i prezzi in anticipo rispetto al momento in cui avverrà l’acquisto.

Chi è interessato a una tale dinamica? Innanzitutto, l’industria, perché tramite questo meccanismo le imprese possono stabilire dei prezzi che mettono il proprio business al sicuro dagli sbalzi, ma risulta appetibile anche per i produttori, che possono conoscere in anticipo i prezzi al quale venderanno in futuro.

Sono tre le categorie di operatori coinvolti nelle borse merci: in primo luogo i trader, in secondo luogo i fondi che intravedono in particolari materie prime possibilità di guadagno, e infine gli appartenenti alla filiera, che invece possono così difendersi dagli alti e bassi del mercato.

Intervento di:

Davide Biocchi

Trader e formatore presso Directa sim

Davide Biocchi, classe 1966, ex- albergatore e ora trader a tempo pieno. Le prime esperienze di Borsa si svolgono tramite il borsino della banca; poi, da febbraio 1999, con l’avvento del trading on line, la Borsa diventa parte integrante della sua vita.