Il trading online

Condividi su: Facebook Twitter

Quando parliamo di “trading online” facciamo riferimento ad una particolare forma di interazione con il mondo della borsa, attuata tramite l’utilizzo di un computer o di un qualunque altro strumento informatico.In questo modo, infatti, è possibile effettuare operazioni di compravendita di titoli finanziari utilizzando ad esempio un tablet o uno smartphone e lavorando comodamente dalla propria abitazione o da qualunque altro luogo.

Parliamo di un sistema, arrivato nel nostro Paese alla fine degli anni ’90 ed introdotto da quello che è stato chiamato “Nuovo Regolamento Consob di attivazione del Testo Unico dei mercati finanziari”, che di fatto ha aperto ai cittadini la possibilità di investire denaro attraverso il web.

Gli acquisti e le vendite si realizzano grazie all’uso di uno specifico software che normalmente viene definito “piattaforma di trading” e che viene messo a disposizione degli utenti dai broker, cioè da società finanziarie che effettuato le operazioni per conto dei propri clienti guadagnando sulle commissioni applicate sulle operazioni stesse.

E’ senza dubbio uno strumento a costi contenuti per effettuare investimenti in borsa, avendo a disposizione tutto ciò che serve per poter scegliere come muoversi: le quotazioni del momento, le analisi tecniche, i grafici. Tutto e in tempo reale. Nel nostro Paese esiste la possibilità di scegliere fra diversi tipi di broker ai quali affidarsi, ognuno dei quali propone una differente piattaforma.

In alcuni casi viene offerta agli utenti anche la possibilità di usufruire di una “versione dimostrativa”, in modo da poter provare a cimentarsi con il sistema senza però investire realmente il proprio denaro, ma solo per testare il funzionamento della piattaforma, in termini sia di semplicità che di caratteristiche tecniche (strumenti di trading, soglia di deposito minimo, asset con cui agire, etc.).

Il trading online si configura spesso, naturalmente, come un’opportunità molto accattivante. E’ bene però sapere che essa non sia esente da rischi anche notevoli, nonché da una serie di condizionamenti di natura psicologica che possono arrivare ad incidere in maniera rilevante sulle scelte e sui risultati di chi investe.

Per poter mettere in pratica il trading online, infatti, non è sufficiente il mero utilizzo delle piattaforme dedicate, che riportano notizie e quotazioni in tempo reale e che permettono, quindi, lo scambio di obbligazioni, titoli di Stato, azioni e così via. La capacità di gestire la propria emotività è un elemento solo apparentemente aggiuntivo e per nulla irrilevante, in considerazione del fatto che la possibilità che le quotazioni in borsa risentano di fluttuazioni anche consistenti è piuttosto realistica.

Di conseguenza, sulla base della conoscenza di sé, sarà sempre opportuno prima di tutto valutare la tempistica di azione, ovvero se agire nel contesto di uno breve spettro temporale o se, al contrario, investire nell’ottica di un orizzonte temporalmente più distante.