RECENSIONI: Carlo Azeglio Ciampi “Italia, Europa, Economia e banche”, Bari, Editori Laterza

Condividi su: Facebook Twitter

Il volume, curato da Federico Pascucci, contiene gli interventi svolti da Carlo Azeglio Ciampi in occasione dell’Assemblea Annuale dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI), sia nella sua veste di Governatore della Banca d’Italia dal 1981 al 1991, sia in quella di Ministro del Tesoro negli anni 1996-98 .

Un’iniziativa meritevole, realizzata grazie al sostegno dell’ABI e dell’Istituto Luigi Einaudi, in quanto i documenti riportati, oltre al loro intrinseco valore storico, mostrano le capacità tecniche e la lungimiranza politica di un “civil servant” di eccellenza che sarebbe divenuto, poi, Presidente della Repubblica nel settennato 1999-2006.

Come opportunamente sottolineato da Maurizio Sella, Presidente dell’Istituto Luigi Einaudi e da Antonio Patuelli, Presidente dell’ABI nella loro prefazione scritta a quattro mani, “elemento fondamentale dei ragionamenti di Carlo Azeglio Ciampi è stato il riconoscimento della natura imprenditoriale delle attività bancarie in concorrenza tra loro”. Un elemento che, da un lato giustifica l’attenzione riservata alle importanti trasformazioni del sistema creditizio succedutesi negli ultimi 20 anni del secolo scorso; dall’altro si coniuga alle spinte di integrazione europea verificatesi nello stesso periodo che porteranno alle nuove importanti tappe del percorso unitario in questo scorcio di secolo.

Sono pagine su cui riflettere e da cui trarre insegnamenti cruciali per una crescita sana e virtuosa della nostra democrazia, oltreché dell’economia nazionale in un’ottica europea. Un aspetto certamente non secondario, ribadito nel profilo che di Ciampi viene tratteggiato da Pier Luigi Ciocca e che,unitamente alla Postfazione dell’ex Ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan, completano, arricchendolo, questo importante volume.

In definitiva, un’operazione culturale nel suo significato più elevato, utile a fissare principi etici ed economici in un’epoca, in cui, sia i primi quanto i secondi, sembrano oscillare ed evaporare rapidamente in funzione di mode effimere e valutazioni affrettate.